TRASPORTO DELLE UVE: I DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO NECESSARI

 

Il documento di accompagnamento previsto per le uve da vino è l’MVV (Movimenti dei prodotti VitiVinicoli), che può essere predisposto nelle seguenti modalità:

  • • modello cartaceo
  • • formato elettronico (MVV-E), mediante le funzionalità presenti sul portale del SIAN (Sistema Informativo Agricolo Nazionale).

Il modello MVV cartaceo, prestampato dalle tipografie autorizzate con la numerazione richiesta, prima della partenza deve essere convalidato da parte del comune di competenza e quindi compilato in ogni sua parte. Solo l’indicazione del peso dovrà essere riportata una volta effettuata la pesatura, con possibilità di allegare al documento lo scontrino rilasciato dalla pesa. La tolleranza consentita è pari all’1,5%.

In caso di uve da vendemmia meccanica è richiesta l’indicazione del peso stimato dei raspi, in quanto le rese ad ettaro sono intese per uva intera.

È consentito anche l’utilizzo di un modello MVV cartaceo prestampato, ma con numerazione attribuita dallo speditore. In questo caso la convalida del documento avviene con l’utilizzo della PEC, seguendo le modalità operative previste dal decreto dipartimentale prot. n°1021/2014.

L’emissione dell’MVV elettronico è facoltativa. In questo caso, il trasporto dell’uva dovrà essere accompagnato da una delle seguenti documentazioni:

  • • stampa cartacea dell’MVV-e
  • • supporto elettronico mobile (ad es. smartphone) su cui visualizzare l’MVV-e

Non è necessaria la convalida prima della partenza. Con la procedura di validazione, infatti, al documento viene attribuito dal Sian un QR code e una marca temporale.

Movimentazioni ed esenzioni

Per i trasporti effettuati interamente sul territorio italiano e nel raggio di distanza massimo di 70 km dal vigneto non è necessario compilare nessun documento.

In alcuni casi è necessario che il trasporto venga accompagnato da un documento di trasporto DDT.

Se il destinatario dell’uva è una cantina diversa da quella del produttore dell’uva o non è un privato consumatore, e la distanza non supera i 70 km dal vigneto, è richiesta la compilazione di un DDT.

Quando la distanza del trasporto superi i 70 Km dal vigneto è necessario che la merce venga scortata da un documento vitivinicolo (MVV o MVV-e).

Con l’entrata in vigore dei decreti del 30/10/2020 e del 28/12/2020 contenenti le disposizioni per l‘impiego del MVV-e, i modelli IT hanno cessato di essere documenti riconosciuti ai fini del trasporto dei prodotti vitivinicoli, pertanto dal 1° gennaio 2021 non è più possibile utilizzarli in nessun caso.

Ricordiamo, infine, che sul medesimo mezzo è possibile il trasporto di uva destinata a produrre vino a DOC/DOCG e dell’uva del relativo esubero ammesso da disciplinare (cernita a destino in cantina), a condizione che sul documento vengano indicati i pesi distinti.

 

Per informazioni:

UFFICIO CONSULENZA VINICOLA

tel. 0173/226611

e-mail servizi@acaweb.it

                                                    

 

 

La tua opinione conta

Ti è piaciuto l’articolo?

Rimani sempre aggiornato con le notizie di settore

Unisciti ad ACA

Scopri come associarsi e i tuoi vantaggi

È semplice, inizia da qui