DPR 462/01 E VERIFICHE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI: DEFINIZIONE DELLE TARIFFE

Il “Decreto milleproroghe” ha introdotto alcune modifiche al DPR 462/01 “Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi”.
Come noto, gli impianti elettrici di messa a terra, devono essere verificati da apposito organismo abilitato dal Ministero dello Sviluppo Economico, con cadenza biennale o quinquennale, variabile in funzione della classificazione di rischio incendio dell’azienda.

Tra le principali modifiche introdotte dal decreto, figura il nuovo tariffario imposto da INAIL relativo alle verifiche degli impianti elettrici. Le nuove tariffe verranno determinate in base alla potenza degli impianti stessi indicata in bolletta.
Nel caso di sole forniture con contatore limitato – ove la differenza tra potenza disponibile e potenza contrattualmente impegnata sia del 10% – l’arrotondamento deve avvenire verso la potenza contrattualmente impegnata.

Il datore di lavoro, dopo aver incaricato l’organismo abilitato alle verifiche, deve comunicare tempestivamente all’INAIL il nominativo dello stesso, utilizzando l’apposito modulo scaricabile dal sito internet dell’Istituto (www.inail.it).

Lo stesso modulo, uno per impianto (ovvero uno per fornitura), deve essere inoltrato all’INAIL ad ogni scadenza della verifica periodica.
Attualmente, l’invio deve essere effettuato tramite pec, mentre, indicativamente a partire da questo mese (febbraio 2020) la comunicazione avverrà tramite il portale CIVA.
Nei prossimi mesi INAIL, inoltre, metterà a disposizione un portale di gestione dedicato agli organismi di ispezione, effettuerà una revisione delle tariffe rendendole onnicomprensive di eventuali spese e attuerà una progressiva completa digitalizzazione del sistema verifiche.

Per informazioni e verifiche degli impianti elettrici di messa a terra:

Per informazioni
Ufficio Sicurezza Ambiente Igiene
tel. 0173/226611
e-mail servizi@acaweb.it

freccia  Torna all’elenco news

La tua opinione conta

Ti è piaciuto l’articolo?

Rimani sempre aggiornato con le notizie di settore

Unisciti ad ACA

Scopri come associarsi e i tuoi vantaggi

È semplice, inizia da qui