SPESE ANTICIPATE DAL DIPENDENTE E GESTIONE BUSTA PAGA

In busta paga vanno inseriti i rimborsi di spese anticipate dal dipendente con fatture intestate all’azienda?

Quando il dipendente effettua spese anticipandole per la sua azienda, facendosi rilasciare una fattura intestata all’azienda datrice di lavoro, i relativi rimborsi erogati dall’azienda che risarciscono l’uscita economica che ha anticipato il lavoratore, non vanno inseriti in busta paga. Lo aveva precisato il Ministero del Lavoro con il “Vademecum sul Libro Unico del Lavoro”, del 05/12/2008.
Infatti, nella sezione B del citato documento – “Soggetti da iscrivere nel Libro Unico e contenuti delle registrazioni” – al punto 12, tale casistica viene così regolamentata: «non vanno indicate sul Libro Unico del Lavoro le somme rimborsate al dipendente che costituiscono mera anticipazione di spese che lo stesso ha sostenuto in nome e per conto dell’azienda datrice di lavoro relativamente a documenti di spesa intestati all’azienda medesima».

Fatta eccezione per la casistica di cui sopra, preme ricordare che, normalmente, le somme erogate a titolo di rimborso spese devono essere iscritte nel Libro unico del lavoro (interpello del 06/07/2010 n. 27 del Ministero del Lavoro).
L’omessa registrazione nel Libro unico del lavoro dei rimborsi spese normalmente corrisposti è sanzionabile, tranne i casi di errore meramente materiale. La sanzione amministrativa pecuniaria va da un minimo di € 150,00 ad un massimo di € 1.500,00, ma se la violazione si riferisse a più di dieci lavoratori si sale da € 500,00 ad € 3.000,00.

 

freccia  Torna all’elenco news

 

La tua opinione conta

Ti è piaciuto l’articolo?

Rimani sempre aggiornato con le notizie di settore

Unisciti ad ACA

Scopri come associarsi e i tuoi vantaggi

È semplice, inizia da qui