­COMUNE DI ALBA AGGIORNATO IL REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL DECORO URBANO

È stato approvato il 31 luglio scorso ma è pienamente vigente e operativo dall'8 settembre, data di pubblicazione sul sito internet del Comune di Alba, il nuovo regolamento per la Tutela del Decoro Urbano.

Il provvedimento aggiorna il regolamento approvato nel 2015 e in alcuni passaggi coinvolge direttamente le categorie del commercio.

Di seguito, le novità salienti contenute nei vari articoli del Regolamento. Per una completa informazione si suggerisce di prendere visione del testo integrale (in allegato), riportante TUTTI GLI OBBLIGHI - anche pregressi e tuttora vigenti - e le indicazioni in materia di Tutela del Decoro Urbano.

 

ACCATTONAGGIO

Il divieto di accattonaggio è stato esteso durante i mercati e in prossimità dei luoghi di culto.

 

PICCOLI RIFIUTI

Non si possono gettare a terra né abbandonare su suolo pubblico incarti vari e scontrini, oltre che mozziconi di sigarette e gomme da masticare.

 

PULIZIA DELLE STRADE E DELLE AREE PUBBLICHE

Il servizio di raccolta rifiuti e pulizia deve garantire il mantenimento igienico dei luoghi, evitando la permanenza prolungata dei rifiuti depositati dai cittadini per la raccolta.

In caso di segnalazioni da parte dei cittadini circa carenze nel servizio e rilevate dagli organi di controllo, il Comune attiverà il gestore per il ripristino delle condizioni igieniche.

 

RACCOLTA RIFIUTI PORTA A PORTA

Il materiale raccolto presso utenze mirate e in particolare gli imballaggi di cartone degli esercizi commerciali, devono essere posizionati sul marciapiedi il giorno della raccolta non più di un'ora prima del prelievo programmato.

 

DEIEZIONI ANIMALI

Chiunque accompagni o abbia in custodia l'animale deve essere sempre munito di contenitori d'acqua per diluire immediatamente le deiezioni liquide e lavare lo sporco eventualmente lasciato dalle deiezioni solide onde evitare pericolo di scivolamento delle persone.

 

OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO

L'occupazione di spazi pubblici con strutture temporanee (palchi, gazebi, dehors, giostre, tensostrutture ecc.) è concedibile in occasione di manifestazioni a carattere pubblico regolarmente autorizzate e purché non in contrasto con la tutela degli edifici e cose di interesse culturale, ambientale e laddove non costituisca barriera architettonica o pregiudizio per la sicurezza veicolare.

Le pavimentazioni dovranno essere protette da irrimediabili danni o deterioramento dovuti al versamento di liquidi o deposito di rifiuti conseguenti allo svolgimento delle varie iniziative.

 

OBBLIGHI LOCALI ED EDIFICI PROSPETTANTI SU SUOLO PUBBLICO

I titolari degli esercizi artigianali, oltre a quelli commerciali, devono costantemente pulire il marciapiedi sul quale l'esercizio si prospetta, avendo cura di includere anche le fioriere poste nelle vicinanze dell'ingresso tra le superfici da cui rimuovere eventuali piccoli rifiuti.

Anche le esposizioni degli esercizi commerciali, oltre che i dehor, dovranno essere coerenti con la regolamentazione vigente in materia di arredo urbano.

Piccioni. Eventuali deiezioni ricadenti su marciapiedi dovranno essere regolarmente ripulite a cura dei proprietari del fabbricato.

 

PULIZIA VETRINE E SERRANDE NEGOZI

Le vetrine dei negozi devono essere pulite almeno una volta la settimana, negli orari prestabiliti dal Regolamento. Con adeguata frequenza andrà altresì eseguita la deragnatura e la pulizia delle serrande esterne degli esercizi.

In caso di temporanea chiusura di un esercizio nei centri commerciali naturali, entro trenta giorni il proprietario dovrà apporre una tamponatura di colore uniforme all'interno delle vetrate, di modo da evitare la vista dei locali, provvedendo a pulire regolarmente le parti esterne (anche le saracinesche dovranno essere mantenute in condizioni decorose e pulite regolarmente).

 

OGGETTI MOBILI VERSO AREE PUBBLICHE

È richiesta uniformità nel posizionamento delle tende da sole non soltanto sulle facciate prospicienti il suolo pubblico, ma anche visibili dal suolo pubblico.

Non sono consentite tende in plastica sulle facciate visibili da strade pubbliche.

Le unità esterne degli impianti di condizionamento dovranno essere posizionate sulle facciate secondarie o al piano dei balconi. Vietato il posizionamento di antenne paraboliche sulle facciate principali rivolte verso le strade pubbliche.

Il posizionamento delle luminarie natalizie andrà preventivamente comunicato al Comune, l'installazione dovrà avvenire a regola d'arte ed essere autocertificata dal titolare dell'esercizio.

 

MANUTENZIONE EDIFICI, TERRENI E VERDE

I proprietari devono mantenere in decorosa condizione, oltre che le facciate degli edifici, anche le porte, i serramenti vari, le targhe, le insegne, eventuali inferriate, le grondaie ed i pluviali.

In caso di facciate o interi edifici fatiscenti, l'Amministrazione potrà invitare ad effettuare tinteggiatura, risanamento intonaco o ristrutturazione delle parti prospicienti l'area pubblica. Se gli interventi migliorativi si protraessero oltre i 12 mesi dalla data di invito, i proprietari dovranno apporre schermature che mitighino l'impatto secondo le indicazioni degli Uffici comunali.

Sarà vietato apporre reti o teli di vari colori in mancanza di cantiere in corso. Quelli esistenti alla data di adozione del Regolamento dovranno essere rimossi entro 6 mesi.

I proprietari/locatari/amministratori di terreni e edifici privati con aree di pertinenza devono estirpare le piante esotiche invasive (es. ailanto) indicate nell'apposta lista approvata dalla Regione Piemonte. Nel Regolamento sono contenute le indicazioni per il loro smaltimento.

Nell'allegato, il Regolamento integrale, con gli aggiornamenti evidenziati in rosso.

 

 

freccia  Torna all'elenco news