Il Decreto Anticipi proroga lo smart working semplificato

Il 15 dicembre 2023 è stata pubblicata la Legge 191 del 15 dicembre 2023 di conversione del D.L. n. 145/2023 (c.d. Decreto Anticipi). Tra le varie tematiche toccate dalla disposizione, in materia di lavoro spicca la proroga smart working semplificato al 31/03/2024.

La legge di conversione del decreto-legge n. 145 del 2023 (misure a tutela del lavoro), pubblicata in Gazzetta Ufficiale in data 16 dicembre 2023, ha previsto la proroga fino al 31 marzo 2024, per lo svolgimento delle prestazioni di lavoro in modalità agile per:

  • genitori lavoratori dipendenti del settore privato che hanno almeno un figlio minore di 14 anni. A condizione che:
    – l’altro genitore sia un lavoratore e non sia beneficiario di strumenti di sostegno al reddito;
    – la prestazione da remoto sia compatibile con le caratteristiche dell’attività lavorativa.
  • lavoratori cd. fragili e cioè i soggetti maggiormente esposti a rischio di contagio da virus SARS-CoV-2, in ragione dell’età o della condizione di rischio derivante da immunodepressione, da esiti di patologie oncologiche o dallo svolgimento di terapie salvavita o, comunque, da patologie che possono caratterizzare una situazione di maggiore rischiosità. A condizione che:
    – l’accertamento dello stato di fragilità sia stato effettuato dal medico competente, nell’ambito della sorveglianza sanitaria;
    – la prestazione da remoto sia compatibile con le caratteristiche dell’attività lavorativa.

Per ulteriori informazioni
UFFICIO PAGHE
tel. 0173/226611
e-mail libripaga@acaweb.it

La tua opinione conta

Ti è piaciuto l’articolo?

Rimani sempre aggiornato con le notizie di settore

Unisciti ad ACA

Scopri come associarsi e i tuoi vantaggi

È semplice, inizia da qui