FINANZIAMENTI DI LIQUIDITÀ PROROGATI AL 31/12/2021

  
 

Finanziamenti per liquidità dal 1° luglio 2021

Fino a 30 mila euro

A partire dal 1° luglio, i nuovi finanziamenti per liquidità fino a 30mila euro (lettera m del Decreto Liquidità), attualmente garantiti al 100%, saranno garantiti al 90% con un tasso di interesse diverso dalle disposizioni precedenti.

L’importo può arrivare fino a 30.000 euro o al 25% del fatturato annuo o al doppio del costo del personale.

La durata, con la passata legge di Bilancio era stata allungata fino a 15 anni, con 2 anni di preammortamento.

I soggetti che abbiano già beneficiato del finanziamento alle condizioni previste in precedenza (25 mila euro, in 8 anni), possono richiedere l’aggiornamento alla somma massima concedibile (30 mila euro) e alla durata massima (15 anni), con il solo adeguamento del rendistato nella determinazione del tasso di interesse applicato. 

Oltre 30 mila euro

Per i prestiti coperti dal Fondo PMI (articolo 13 dl 23/2020) di importo superiore a 30 mila euro, dal 1° luglio la garanzia scende dal 90% all’80%, sebbene il limite temporale di queste nuove operazioni innalzi la durata fino a 10 anni (dagli attuali 6).

Il Decreto Sostegni bis, per i finanziamenti già in essere e già garantiti dal Fondo di Garanzia di durata non superiore ai 6 anni, prevede la possibilità di chiederne l’allungamento ad un massimo di 10 anni.

Rinegoziazione

Ricordiamo che le imprese che hanno già attive operazioni con le banche, fino al 31/12 possono accedere a finanziamenti volti a rinegoziare i debiti in essere o consolidare le aperture di credito (fidi).

Questi interventi, già previsti dal “Decreto Liquidità” del 2020, consentono di:

• stipulare finanziamenti più sostenibili con tassi agevolati

• associare, all’importo da rinegoziare, una nuova liquidità aggiuntiva (minimo 25% dell’importo da rinegoziare)

• ottenere un preammortamento massimo di 12 mesi

 

Credito di imposta sanificazione e acquisto di dispositivi di protezione

È previsto un credito di imposta pari al 30% delle spese sostenute nei mesi di giugno, luglio e agosto 2021 per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati e per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti, comprese le spese per la somministrazione di tamponi per COVID-19.

Il credito massimo spettante è pari a 60.000 euro per impresa. Il credito spettante sarà utilizzato in compensazione nella dichiarazione redditi relativa il periodo di imposta di sostenimento della spesa. Prossimamente l’Agenzia delle Entrate emetterà provvedimento contenente le modalità di applicazione e fruizione del credito.

L’Ufficio Credito dell’A.C.A., in collaborazione con l’Ascomfidi NordOvest, offre un servizio per la predisposizione delle domande di finanziamento o di adeguamento ai nuovi parametri.

Per informazioni:
Ufficio credito ACA
Chiara Chiavazza 0173/226663 cchiavazza@ascomfidinordovest.it
Davide Paganotti 0173/226671 dpaganotti@ascomfidinordovest.it
Elisa Montrucchio 0173/226549 elisa.montrucchio@acaweb.it
Federico Chiavassa 0173/226557 federico.chiavassa@acaweb.it

La tua opinione conta

Ti è piaciuto l’articolo?

Rimani sempre aggiornato con le notizie di settore

Unisciti ad ACA

Scopri come associarsi e i tuoi vantaggi

È semplice, inizia da qui