Cure palliative e testamento biologico: grande partecipazione al convegno di Terziario Donna

Un pubblico eterogeneo, composto anche da cittadine e cittadini, rappresentanti del volontariato o espressione del mondo della sanità e della socioassistenza, ha dimostrato interesse ed attenzione per i delicati temi trattati: le cure palliative e le D.A.T., acronimo che significa “disposizioni anticipate di trattamento”, comunemente conosciute come testamento biologico.

Qualificati i relatori: la dottoressa Maria Vittoria Oddero, medico internista e vice presidente dell’associazione “Ho cura onlus”, che si occupa di diffondere la cultura delle cure palliative e di svolgere assistenza volontaria ai malati terminali e l’avvocato Giorgio Scanavino, che ha fornito informazioni preziose sulla normativa riguardante le D.A.T..
Insieme, e grazie al coordinamento della giornalista Cristina Borgogno, hanno delineato il quadro difficoltoso nel quale le famiglie – e soprattutto le donne – si trovano spesso quando un congiunto viene colpito da patologie gravi e, talvolta, irreversibili.

Molte le domande del pubblico e toccanti alcune testimonianze di persone affette da patologia o ex malati, che hanno arricchito il confronto portando la propria esperienza reale e facendo riflettere tutti gli intervenuti sul principio della dignità (“meglio aggiungere vita ai giorni che giorni alla vita”, cit.).

«Il successo di questo convegno ci spinge a proseguire nella nostra attività divulgativa – ha dichiarato la presidente di Terziario Donna Alba, Francesca Sartore – rispetto a temi di grande respiro che coinvolgono certamente le donne imprenditrici ma che toccano intere famiglie e tutta la comunità».

«Grazie all’iniziativa delle imprenditrici di Terziario Donna – afferma il presidente dell’Associazione Commercianti Albesi, Giuliano Viglione – si è organizzato un incontro dal carattere trasversale, che riguardava un argomento delicato e difficile della vita di ognuno. L’Associazione Commercianti Albesi si occupa volentieri di temi che coinvolgono e interessano la collettività, in quanto soggetto profondamente radicato nel tessuto non solo economico ma anche sociale del territorio».

 

convegno terziario donna 2

  

freccia  Torna alle news

La tua opinione conta

Ti è piaciuto l’articolo?

Rimani sempre aggiornato con le notizie di settore

Unisciti ad ACA

Scopri come associarsi e i tuoi vantaggi

È semplice, inizia da qui