CREDITI D’IMPOSTA POS “EVOLUTI” – DEFINITE LE CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI AGEVOLABILI

 

Ricordiamo che il DL Sostegni bis, per promuovere l’utilizzo della moneta elettronica e in particolare l’utilizzo di POS collegati ai registratori di cassa, ha aumentato i precedenti crediti di imposta sulle commissioni, nonché sui costi di acquisto, noleggio e uso di tali dispositivi.

In particolare, si introducono i seguenti crediti  d’imposta:

A)
del 100% della commissioni addebitate tra il 1/07/2021 ed il 30/06/2022 nel caso in cui il POS utilizzato per il pagamento sia “collegato” al RT o siano adottati “strumenti di pagamento evoluto”

B)
per l’acquisto/noleggio o l’utilizzo:
*) di POS “collegati” ai Registratori Telematici (massimo €. 160)
*) “strumenti di pagamento elettronico evoluto” (massimo €. 320)
incluse spese per il collegamento tecnico tra gli strumenti e quelle di convenzionamento

Per le commissioni maturate nel periodo 1° luglio 2021 – 30 giugno 2022 il credito d’imposta è pari al 100% delle commissioni nel caso in cui gli esercenti che effettuano vendite nei confronti di consumatori finali adottino strumenti di pagamento elettronico collegati ai registratori di cassa o strumenti di pagamento evoluto quali carte di credito, di debito o prepagate. 

Con il provvedimento n. 211996 del 06/08/2021, l’Agenzia delle Entrate ha definito le regole tecniche per il collegamento tra sistemi che consentono forme di pagamento elettronico e strumenti che consentono la memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri, richieste ai fini degli specifici crediti d’imposta.

 

Per ulteriori informazioni

UFFICIO FISCALE

Tel. 0173/226611

e-mail fiscale@acaweb.it

La tua opinione conta

Ti è piaciuto l’articolo?

Rimani sempre aggiornato con le notizie di settore

Unisciti ad ACA

Scopri come associarsi e i tuoi vantaggi

È semplice, inizia da qui