CASSA INTEGRAZIONE CON CAUSALE COVID-19

Il Decreto n. 18 del 17/03/2020 contiene varie misure per finanziare ed ampliare gli ammortizzatori sociali in modo tale da consentire a tutti i datori di lavoro del settore privato (con esclusione del settore domestico) il sostegno al reddito per tutti i lavoratori.
In base alle caratteristiche delle singole aziende, gli ammortizzatori previsti (e parzialmente modificati per l’emergenza CORONAVIRUS), per la generalità delle imprese, sono principalmente quelli riportati nella tabella seguente:

COVID CASSAINTEGRAZIONENEWS

 

Lavoratori interessati: lavoratori in forza non oltre il 23 febbraio 2020, con contratto di lavoro subordinato (indipendentemente dall’anzianità aziendale), ricompresi gli apprendisti con contratto di lavoro professionalizzante, con esclusione dei dirigenti e dei lavoratori a domicilio. Restano invece esclusi (eccetto FSBA e CIGD): i lavoratori con contratto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore e i lavoratori con contratto di apprendistato di alta formazione e ricerca. Solo per la CIGD possono rientrare anche gli intermittenti, c.d. lavoratori a chiamata.
Periodo di richiesta: massimo 9 settimane, a decorrere dal 23/02/2020. Con l’eccezione della Cassa Integrazione in deroga, le nove settimane devono essere utilizzate entro il mese di agosto 2020.
Misura delle prestazioni (importo riconosciuto ai lavoratori): il lavoratore riceve un sostegno pari all’80% della retribuzione globale che gli sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate, comprese tra le ore zero e il limite dell’orario contrattuale, nel rispetto dei massimali, come di seguito sintetizzato:

– lavoratori con retribuzione mensile inferiore o pari ad euro 2.159,48 (compresi i ratei delle mensilità aggiuntive): il massimale è pari ad euro 998,18 lordi che, al netto dei contributi previdenziali del 5,84%, sono pari ad euro 939,89;
– lavoratori con retribuzione mensile superiori ad € 2.159,48 (compresi i ratei delle mensilità aggiuntive): il massimale è pari ad euro 1.199,72 lordi che, al netto dei contributi previdenziali del 5,84%, sono pari ad euro 1.129,66.

Contribuzione durante il periodo di utilizzo: per i lavoratori è riconosciuta la contribuzione figurativa.

 

 

 

freccia  Torna all’elenco news

La tua opinione conta

Ti è piaciuto l’articolo?

Rimani sempre aggiornato con le notizie di settore

Unisciti ad ACA

Scopri come associarsi e i tuoi vantaggi

È semplice, inizia da qui